Maiale con funghi e castagne

Maiale con funghi e castagne

Per 4 persone
8 bracioline o fettine di lonza maiale
1 kg di funghi a scelta
200 g di castagne già cotte e sbucciate
2 spicchi di aglio
1 foglia di alloro
mezzo bicchiere di vino rosso
olio extravergine di oliva
sale, pepe

10 minuti
20 minuti
facilissima

Un rosso della cantina di Col d’Orcia, un Sangiovese Grosso vinificato a Montalcino.
Il Sangiovese grosso è una delle due famiglie in cui si divide il Sangiovese, l’altra è il Sangiovese piccolo.
Una curiosità, il Sangiovese grosso è conosciuto anche con il nome di Brunello usato soprattutto a Montalcino dove si credeva appartenesse ad una varietà autoctona della zona.
E’ un vino con un buon tannino ed una buona struttura che bene gli consentono di abbinarsi a piatti molto strutturati e corposi.

Pulite i funghi, eliminate la parte terrosa e tagliateli a fattine. Scaldate una padella con 2 cucchiaia di olio e l’aglio, unite i funghi e fateli rosolare per circa 10 minuti a fuoco medio. Salateli e toglieteli dalla padella.
Unite nel contenitore di cottura la carne con la foglia di alloro e fatela dorare sui due lati salandola e pepandola. Sfumate con il vino rosso, unite nuovamente i funghi, completate con le castagne, coprite e fate cuocere, a fuoco basso, per 5 minuti.
Distribuite nei piatti le carne, i funghi e le castagne e servite il tutto con un buon bicchiere di vino rosso.

La carne di maiale va cotta poco: se acquistate le braciole che sono un po’ più spesse potete calcolare qualche minuto di più, ma in generale, questo tipo di carne rischia altrimenti di diventare un po’ troppo asciutta. Sicuramente l’acqua emessa in cottura dai funghi aiuterà a mantenerla più morbida.

Se avete tempo, potete acquistare le castagne fresche, incidere la buccia con un coltello e farle cuocere o nell’apposita padella per caldarroste (quella di ferro bucherellata) o in forno. In questo caso calcolate almeno il doppio del peso perché poi dovrete eliminare la buccia.